• Redazione

L'Emilia Romagna vieta di uscire anche a piedi ed in bici, ma l'Italia non ancora si ferma davvero.

Altre quotidiane novità arrivate ed in arrivo nei prossimi giorni. Mentre il presidente Conte annuncia un terzo decreto di carattere economico e che quasi sicuramente al 3 aprile verranno prorogate tutte le misure anti Covid19, arriva per l'Emilia Romagna una nuova ordinanza.


Nuove misure per contrastare la pandemia da Corona Virus che "vive" in questi giorni i momenti più importanti, mietendo vittime e contagiando centinaia di persone al giorno, non solo in Italia ma in tutto il mondo.


La nuova ordinanza Regionale firmata Bonaccini prevede misure valide intanto, fino al 3 aprile. Vengono chiusi parchi e giardini pubblici e arrivano ulteriori limitazioni per le passeggiate e l'uso di biciclette. Da oggi anche pedoni e ciclisti potranno spostarsi (muniti di nuova autocertificazione) solo per lavoro, ragioni di salute o necessità come fare spese e acquistare farmaci, fatta esclusione di chi ha problemi di salute documentati e necessità di camminare. In tal caso potrà farlo ma limitandosi ad un perimetro di poche centinaia di metri, adiacente la propria abitazione.


Anche per portare fuori il cane, da oggi è meglio farlo restando nei pressi della propria abitazione, a poche centinaia di metri.


Aperti rimangono oltre a supermercati, farmacie e tabacchini, fornitori di materiale elettrico e per la persona, autostrade, strade extraurbane principali e secondarie. I trasporti continueranno a funzionare con le limitazioni imposte dai fornitori del servizio.


Continuano ad arrivare ordinanze e decreti, ma non c'è una linea univoca da seguire. Si limita ancora di più e giustamente la libertà individuale ma non si ha il coraggio di fare scelte coraggiose, imponenti e condivise.


Vedremo cosa succederà nei prossimi giorni.


Qui leggi l'ordinanza completa: https://static.gedidigital.it/repubblica/pdf/2020/locali/bologna/ER190320200823.pdf


Nicola Scillitani

Per inVeritas