top of page
  • Redazione

Le star del cinema perdono influenza, mentre le pellicole migrano sulle piattaforme online.

La rivoluzione dello streaming ha fatto sgorgare denaro a Hollywood mentre gli studios fanno a gara per attirare gli abbonati. La lista di contenuti di Netflix, sarà a breve, la più forte di sempre, con nuovi titoli come "Don't Look Up", con Leonardo DiCaprio, e l'ultima stagione di "Money Heist" , una saga spagnola di rapinatori di banche.



Il 12 novembre, Disney annuncerà nuovi spettacoli per Disney+ che dovrebbero includere spin-off di Star Wars e Marvel. Secondo Bloomberg , la spesa totale per i contenuti delle aziende di streaming potrebbe raggiungere i 50 miliardi di dollari quest'anno .


Eppure, nonostante la generosità, è un periodo turbolento poiché tutti, dalle star di serie A alla troupe, vanno in guerra con gli studi cinematografici. Alcune delle controversie sono sorte dalla pandemia, che ha sconvolto i programmi di produzione e rilascio. Ma la tensione ha una motivazione ben più profonda e radicata.


Poiché lo streaming sconvolge il mondo della TV e del cinema, il modo in cui il talento viene compensato sta cambiando. La maggior parte dei lavoratori si sta riprendendo, ma il potere delle "Star di Hollywood" sta svanendo.


A causa della pandemia da Coronavirus, i cinema chiudevano, gli studi si affrettavano a trovare schermi per i loro film. Alcuni, come l'ultimo film di James Bond della MGM, sono stati ritardati di oltre un anno. Altri sono stati inviati a piattaforme di streaming, a volte senza l'accordo di attori o registi. Il caos.


Coloro la cui paga era legata agli incassi al botteghino sono stati compensati, o dietro le quinte (come ha fatto WarnerMedia nel caso di Dune) o dopo battibecchi pubblici.




bottom of page