top of page
  • Redazione

Il nuovo DPCM scatena la rivolta da Napoli a Roma. Il governo ci va cauto e non ancora lo firma.

L'ennesimo DPCM questa volta fatica ad essere approvato. Nella giornata di ieri si sarebbe dovuta tenere una conferenza stampa del premier Giuseppe Conte, per illustrare agli italiani il suo contenuto. Ad essere penalizzate di più le attività di ristorazione e della cura per la persona, quali palestre e centri estetici.



Conte era atteso in TV dalle 20:30, ma non ci è mai arrivato, e nemmeno più tardi. Sulla stampa nazionale è locale è girata solo la bozza del nuovo DPCM che dovrebbe durare 30 giorni e che prevederà di certo misure molto più restrittive delle attuali, per cercare di contrastare l'aumento di contagi da Covid19. Una bozza che fatica a diventare legge anche a causa delle violente proteste che si sono susseguite a Napoli ed anche a Roma nella notte. A Roma infatti verso la mezzanotte, sono state lanciate bombe carta contro la polizia. A manifestare erano circa 400.


Caos prevedibile. In tanti sono ormai esasperati e rischiano veder morire le loro attività. I ristoratori sono dall'inizio della pandemia, tra le categorie maggiormente penalizzati, e la chiusura alle 18 li affosserebbe in maniera definitiva.


Una lunga notte di consultazioni tra governo e regioni, che ancora non ha portato alcun esito definitivo se non la conferma della misura che obbliga la chiusura di ristoranti, bar, gelaterie e pasticcerie alle ore 18 nei giorni feriali. Una scelta tenuta in forse dal contrasto con le regioni, fino all'ultimo, che non ha fatto cambiare idea al premier e al ministro Francesco Boccia.


Si rimane sempre in attesa dell'ok definitivo per il nuovo DPCM che potremmo vedere già nel corso della giornata odierna e fino a quando non verrà firmato, rimarranno in vigore tutte le regole del dpcm precedente, considerando eventuali ordinanze maggiormente restrittive emesse regione per regione.



Segui VICOLO STRETTO PUB anche su Facebook: https://www.facebook.com/vicolo.pub/

bottom of page