• Redazione

Caos Calabria. Conte chiede scusa: "colpa mia!". Intanto Emergency riceve un appalto milionario.

Un capitolo molto triste quello della nomina di Eugenio Gaudio a commissario Sanità della regione, che è durato poco più di 48 ore. Gaudio, ex rettore dell'Università "La Sapienza", scelto proprio dal premier si è già dimesso.


Di Nicola Scillitani (direttore di InVeritas Press)


"Mi assumo tutta la responsabilità di quella scelta - ha detto Conte - non solo del fatto che la designazione non sia andata a buon fine, ma anche la responsabilità delle precedenti nomine". E' così arrivano le scuse di Palazzo Chigi: "La mia scelta di Gaudio e quella di Zuccatelli erano state sostenute con il pieno confronto e con la condivisione tra tutti i ministri coinvolti".


Un pasticcio che riguarda 2 milioni di cittadini che da oltre una settimana attendono di conoscere dal governo il nome di chi dovrà gestire l'emergenza Covid in regione e i tanti problemi decennali della sanità calabrese. Certo si è provato a trovare una soluzione, ma in pochi sembrano intenzionati a trasferirsi in Calabria per tentare di sbrogliare la matassa. Qualcuno ha addirittura fatto retro front perché la moglie non voleva più spostarsi.


Nel bel mezzo del caos intanto, il nome di Gino Strada fondatore di Emergency che non sarà il nuovo commissario della sanità calabra, ha ricevuto un enorme pubblicità. Una pubblicità che ha permesso a Strada di ricevere un appalto milionario. L’ONG, infatti, arriverà presto in Calabria per ospedali da campo, Covid Hotel e triage ospedalieri, dopo un accordo con la protezione civile.


Sull'Albo Pretorio della stessa Protezione Civile, però, non si trova alcun documento riferito a questa collaborazione. Non si sa cosa farà Emergency precisamente e ne quanto costerà il tutto ma secondo il sito ufficiale dell'ONG, Emergency è un’associazione nata per offrire cure medico-chirurgiche gratuite alle vittime di guerre e lotta alla povertà, oltre che rimozione di mine - antiuomo. Cose che in Calabria non ci sono.

La Calabria rimane ancora in attesa di un cambiamento mentre rimane incisa nella mente, la frase del noto chirurgo Gino Strada, intervistato da Fazio: "La sanità inventa malattie per profitto". Profitto che lui riceverà a breve.