• Redazione

Fatture per le cremazioni della bergamasca. Arrivano dai comuni, sia dalla Lega che dal PD.

Precisazioni sull'articolo del 24 di aprile (a seguito di scrupolosa verifica). Qui l'articolo: https://inveritaspress.wixsite.com/home/post/deceduti-da-cov19-lo-stato-sono-stati-cremati-e-ora-le-famiglie-paghino-il-conto-e-le-competenze



A seguito dell'articolo del 24 di aprile comparso su "InVeritas Press" dal titolo: "Deceduti da Cov19. Lo stato: "Sono stati cremati e ora le famiglie paghino il conto e le competenze" che ha fatto enorme scalpore, a seguito di ulteriori verifiche vogliamo fare delle precisazioni.

Le salme dei deceduti da Covid19 del bergamasco, sono state cremati in varie città fuori regione e trasportate con mezzi militari verso i forni di Novara, Padova, Bologna, Ferrara, Vicenza e Firenze. Comuni diversi che hanno regolarmente emesso fatture di pagamento. Va precisato che in questi comuni non esiste un solo colore politico bensì diversi: A Novare il sindaco è Alessandro Canelli della Lega, a Padova il sindaco è Sergio Giordani del PD, a Bologna il sindaco è Virginio Merola del PD, a Ferrara il sindaco è Alan Fabbri della Lega, a Vicenza il sindaco è Francesco Rucco sostenuto da una coalizione di centro destra, mentre a Firenze il sindaco è Dario Nardella sostenuto da una coalizione di centrosinistra. Altri comuni come Reggio - Emilia hanno partecipato a tali cremazioni e si tratta tutti di comuni di diverso colore politico.

Realtà politiche diverse, ma tutte hanno emesso regolare fattura nei confronti delle famiglie delle vittime da Covid19 che sono state cremate. I comuni menzionati hanno pubblicato le tariffe sulle loro pagine istituzionali, asserendo che il trasporto militare non è incluso nel pagamento. Certo quello no, ma le competenze d'ufficio si.

A tutto questo si aggiungono due elementi poco piacevoli. Il senatore Roberto Calderoli aveva accusato in maniera troppo semplicistica (senza andare nel dettaglio sulle colpe dei vari comuni di cui diversi della Lega Nord) lo stato di questa vergogna (ecco perché il titolo di inVeritas Press sul precedente articolo), sostenendo che lo Stato, che non ha saputo proteggere la vita di queste persone, che non ha voluto mettere la zona rossa in Val Seriana per limitare il diffondersi dei contagi, e non ha saputo controllare questa pandemia nonostante gli avvisi da gennaio di tutte le organizzazioni sanitarie a riguardo. Questo non è uno Stato!".

Altra caduta di stile, dopo che alcuni comuni a guida PD hanno inviato fattura ai cittadini già sfiniti economicamente a causa del lockdown, è la proposta dei senatori del PD, Dario Stefano e il segretario d'aula dei senatori DEM, Alan Ferrari di inserire un emendamento ad hoc al fine di risolvere la situazione e azzerare le spese sostenute per le cremazioni. Come al solito ci si è accusati a vicenda e non si è pensato al bene degli italiani. Tale questione non ha colore politico ed è bene che QUANTO PRIMA i vari comuni annullino tale fatture, o che LO STATO ITALIANO se ne faccia carico.

Nicola Scillitani Per InVeritas Press